La Pirosi Gastrica

La Pirosi Gastrica

La Pirosi Gastrica è il termine che racchiude la sensazione di dolore e bruciore allo stomaco. La sensazione provata è dolore che dalla zona dello stomaco si propaga all’esofago, alla faringe e alla gola. In bocca si può percepire salivazione abbondante, reflusso gastrico e ipersalivazione.

La cause che possono portare all’insorgenza dalla pirosi gastrica sono svariate: assunzione di cibi troppo speziati , piccanti o acidi (agrumi, succhi di frutta ed esempio); reazioni emotive che portano a eccessive secrezioni gastriche; oppure cause iatrogene, cioè correlate all’utilizzo di diversi farmaci che provocano problemi gastrici, come cortisonici e antinfiammatori non steroidei (FANS)

Individuare la differente causa, è fondamentale per selezionare la tipologia di trattamento più indicato a risolvere il problema.

Esistono due tipologie di prodotti che contrastano la pirosi gastrica: i citoprotettori (di natura vegetale) e gli antiacidi (di natura minerale).

I Citoprotettori

I Citoprotettori derivano da piante che nel loro fitocomplesso hanno un’elevata percentuale di polisaccaridi, come l’Aloe (privata di antrachinoni), l’Atea, la Malva…

I Citoprotettori aiutano nei casi di Pirosi Gastrica in quanto le mucillagini (polisaccaridi), vanno a distribuirsi sulla parete interna dello stomaco, ricoprendolo: in questo modo si evita il contatto dei succhi acidi con le pareti dello stomaco, e allo stesso tempo è limitata la risalita verso l’esofago.

Generalmente si presentano in forma di tavolette masticabili, da far sciogliere in bocca diverse volte al giorno al momento del bisogno, o anche circa un’ora prima del pasto. In questo modo le mucillagini delle piante si gonfiano a contatto con l’acqua presente nella saliva e nel lume dello stomaco, e si dispongono sulle pareti gastriche. Nelle formulazioni di questi integratori, si possono abbinare anche piante come la Liquirizia e la Camomilla, che non sono dei veri e propri citoprotettori per definizione, ma agiscono sempre come protettori dello stomaco dall’acidità.

La Liquirizia è infatti in grado di modificare la qualità del succo gastrico secreto, rendendolo meno acido; la Camomilla invece ha attività stomachiche antispasmodiche e lenitive.

Gli Antiacidi

Gli antiacidi, hanno natura minerale, e hanno il compito di andare a tamponare il pH dello stomaco: alzandosi il valore del pH, si riduce d’acidità dei succhi gastrici.

In genere sono ossidi o idrossidi derivati da Calcio, Alluminio e Magnesio. Il problema di questa tipologia di prodotti, è che diminuendo l’acidità dei succhi digestivi, vanno anche a ridurre la capacità digestiva: ricordiamo infatti che il compito dei succhi dello stomaco è quello di sciogliere i cibi, per permettere il successivo processo digestivo a livello dell’intestino tenue.

Inoltre bisogna prestare attenzione all’interazione che gli antiacidi possono avere con vari farmaci: la biodisponibilità del farmaco stesso può venir ridotta, e l’effetto farmacologico può risultare di entità minore.