Focus su organi e disturbi collegati

L’Acne

L’Acne

Cos’è l’Acne

L’Acne è un problema della pelle, che colpisce viso, torace, schiena e spalle, e che si manifesta con foruncoli, papule e pustole.

Si evidenzia con le variazioni ormonali, soprattutto degli androgeni, che vanno a stimolare una maggior produzione di sebo dalle ghiandole sebacee. In genere, con la fine dell’adolescenza, il problema svanisce, in quanto i livelli ormonali si stabilizzano. Essendo causata da una variazione di questo tipo, ne possono essere colpite anche le donne in gravidanza o durante il ciclo mestruale, ma anche chi fa utilizzo di farmaci quali corticosteroidi.

Ghiandole Sebacee e Sebo

Le ghiandole sebacee, sono strutture a forma di grappolo, presenti all’interno del derma, sparse in tutto il corpo umano esclusi i palmi di mani e piedi, e il dorso del piede. Sono ghiandole olocrine, significa cioè che una volta che la cellula che la compone, produce il proprio secreto, poi muore e va a costituire essa stessa parte del secreto. Le ghiandole di questo tipo, devo avere sempre una riserva di cellule meristematiche, che mantengano la capacità di dividersi, e di generare nuove unità adulte.

Le ghiandole sebacee, riversano i loro prodotti all’interno del follicolo pilifero. Il secreto di queste ghiandole, è il sebo, una sostanza di colore biancastro, costituito da una miscela lipidica, importantissima per la pelle per diversi motivi. In primis, è un elemento che partecipa alla composizione del film idrolipidico, un’emulsione che ha lo scopo di proteggere l’epidermide dall’attacco di batteri, e che previene le aggressioni da solventi, detergenti e altri elementi chimici. Inoltre, il sebo, impedisce le perdite di acqua della pelle, e, allo stesso tempo, la termoregola.

Tra i componenti del sebo, ritroviamo acidi grassi, gliceridi, esteri del colesterolo, cere e colesterolo.

In una situazione di normalità, la ghiandola sebacea, produce il suo secreto, il sebo, e lo riversa all’esterno del corpo umano, sulla pelle. Quando, in condizioni particolari, il dotto di uscita è ostruito da cellule morte, o da un’ eccessiva presenza di sebo, allora il secreto rimane bloccato al di sotto dell’epidermide, e si accumula all’interno del follicolo pilifero. Questa condizione, fa sì che si assista facilmente a una moltiplicazione batterica, in particolar modo da parte del maggiore responsabile dell’Acne, il Probionibacterium Acnes. Questo, è un batterio Gram-positivo, anaerobio, che vive all’interno delle ghiandole sebacee, e del sebo. Per vivere, si ciba dei trigliceridi presenti nel sebo, e, come metaboliti di scarto, produce acidi grassi molto irritanti per l’uomo: l’accumulo di questi lipidi batterici, porta a una lesione del follicolo pilifero, e il sebo, prima in esso contenuto, si riversa liberamente nel derma. La situazione che si viene a creare, è un’infiammazione diffusa, con la formazioni di comedoni.

A seconda delle condizioni, il comedone è definito “punto bianco” se l’ostruzione del dotto della ghiandola sebacea è totale; “punto nero” se invece è parziale.

Se i comedoni formatisi, a loro volta, vengono infettati, infiammati o lesionati, allora si assiste allo sviluppo di pustole, papule, cisti e noduli, che spesso lasciano le cicatrici.

Cause

Il fattore scatenante dell’acne, è la variazione ormonale. Quindi periodi della vita come l’adolescenza, i cicli mestruali e le gravidanze, possono indurre questa problematica.

Anche assumere certe tipologie di farmaci può esserne una causa, nel particolare steroidi e corticosteroidi.

Abbiamo visto che l’acne si manifesta se il sebo non riesce a fuoriuscire in modo idoneo, ma va ad accumularsi all’interno del follicolo pilifero. Quindi utilizzare cosmetici come fondotinta o primer che vadano ad occludere eccessivamente i pori, possono portare a questa problematica.

Inoltre, una pelle che tendenzialmente è acneica, va trattata nel quotidiano con creme cosmetiche molto fluide, ad assorbimento rapido, che non rimangano unte sulla pelle.

Infine, bisogna prestare attenzione alle radiazioni solari: da una parte il sole aiuta ad asciugare i brufoli, e in genere nel periodo estivo le pelli acneiche migliorano; tuttavia, non bisogna eccedere, in quanto i raggi solari inducono un aumento della divisione cellulare negli strati della pelle, e questo fa si che l’epidermide diventi più spessa: nei mesi successivi all’esposizione al sole (in genere tra Settembre e Novembre), si scatena un peggioramento delle condizioni dell’acne, dovuto al fatto che il sebo in questo modo è ancora più ostacolato nella sua fuoriuscita all’esterno.

L’importanza del corretto cosmetico

La prima attenzione che si deve prestare a una pelle acneica, è la cura stessa.

Il benessere della pelle, parte da una corretta detersione, che non deve essere troppo aggressiva: infatti, se si andasse a rimuovere troppo film idrolipidico al viso, si creerebbe uno scompenso, che porterebbero a una stimolazione delle ghiandole sebacee nel produrre più sebo come meccanismo di difesa, il ché causerebbe un peggioramento delle condizioni dell’acne.

Vanno quindi utilizzati detergenti idonei, pensati per pelli grasse e acneiche, a base di principi attivi astringenti, ma che abbiano anche una buona dose di ingredienti emollienti ed idratanti.

La stessa attenzione va spesa per la scelta della corretta crema per il viso. In genere, è bene differenziare tra una crema giorno, ad assorbimento molto rapido, che riesca a dare un’attività astringente e opacizzante allo stesso momento. Per la notte, si sceglierà invece un trattamento ad assorbimento più lento, che continui sempre l’azione astringente, ma che abbia un pool di attivi idratanti, nutrienti ed emollienti, in modo da donare alla pelle quel grado di idratazione e di nutrimento che viene richiesto dal film idrolipidico.

I preparati cosmetici mirati alle pelli grasse e acneiche, in genere contengono principi attivi quali:

  • piante astringenti come la Bardana,  l’Amamelide, il Rosmarino e la Viola Tricolor;
  • piante emollienti e lenitive, che aiutino a spegnere i rossori e a lenire le infiammazioni, come l’Elicriso, l’Aloe, la Camomilla, la Malva, la Piantaggine;
  • si possono poi trovare elemaneti quali il Cetriolo, rinfrescante; la Zucca, opacizzante; il Limone, schiarente; e la Propoli, antibatterica.

Un grande aiuto arriva anche dalle maschere viso a base di Argilla, che purifica la pelle assorbendo il sebo in eccesso, e ristringe i pori.

Altro alleato dell’acne è il Tea Tree Oil, l’Olio Essenziale di Melaleuca Alternifolia, uno dei cinque oli essenziali definiti “maggiori” in quanto antisettico ed antibatterico ad ampio spettro;, e anche astringente.

E’ molto importante, non andare a comprimere e schiacciare comedoni e brufoli, perché questa operazione va ad aumentare l’infiammazione degli strati sottostanti, e sviluppa l’infezione nelle zone circostanti.

Rimedi Naturali

Passiamo adesso alla fitoterapia.

La pianta d’eccellenza usata per questa problematica, è la Bardana, che va ad avere un’azione purificante, e inoltre richiude i pori della pelle, riducendo l’effetto lucido tipico delle epidermidi miste/grasse, e diminuisce così la formazione di brufoli e punti neri. L’azione batteriostatica della pianta, infine, aiuta a contrastare il proliferarsi dei microorganismi che tendono a svilupparsi nei casi di acne.

Altre pianta largamente impiegate sono la Fumaria, che agendo a livello del fegato induce l’attività depurativa, il Carciofo e il Cardo Mariano, per lo stesso motivo e per le proprietà coleretiche e colagoghe, e la Viola Tricolor, per le caratteristiche antinfiammatorie e depurative.

Sempre ad uso interno, viene ad essere molto utile il Lievito di Birra, che ricco in vitamine, sali minerali e complesso B, aiuta a contrastare le infiammazioni della pelle e a ripristinarne la salute.

Anche assumere integratori minerali e vitaminici, quali il Complesso B, e lo Zinco, aiutano la riepitelizzazione e il ripristino della barriera cutanea.

 

 

 

 

cosmetici, troppo sole  poi pelle secca….

SEGUIMI E CONDIVIDI SU:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *